lunedì 18 agosto 2014

Giro d'Italia Letterario 17 agosto: a Bari con Carofiglio, Né qui né altrove , storie cariche di sentimenti


INIZIATIVA  DI LETTURA
 UN' ALTRA TAPPA,  BARI  CI ATTENDE...
 
Gianrico Carofiglio
Né qui né altrove
Una notte a Bari
“Contromano”,
Laterza, 2008 


Cos'è l'amicizia, per l'autore:" L'importante tra amici non è quello che si dice ma quello che non c'è bisogno di dire"

In Né qui né altrove lo scrittore traccia  una mappa degli affetti ispirata dai compagni di liceo a Bari. L’idea originale di Gianrico Carofiglio era quella di redigere, attraverso la spinta della rimpatriata notturna, una specie di guida per raccontare la città, com’era e com’è, descrivere in modo ironico luoghi, locali, sapori baresi… Ma durante la stesura - ha affermato lo stesso autore - "i personaggi e i sentimenti hanno preso il sopravvento e la guida si è trasformata in un racconto sull’amicizia, sui ricordi di una vita, sullo spaesamento" divenendo l’opera più autobiografica e intimista scritta sino ad oggi dal papà dell’avvocato Guido Guerrieri e del filone legal thriller italiano. 
Storia di un'amicizia al maschile che attraversa il tempo e pone i protagonisti di fronte all'esigenza di archiviare un modo d'essere. Darsi l'uno all'altro con verità e con quella parte di dolore che l'esercizio della verità comporta.

"Mi chiesi quali altre cose su me stesso stavo per imparare" riflette l'io narrante, dopo che l'amico Paolo Morelli gli ha appena detto che, terminata la notte trascorsa ad attraversare la Bari della giovinezza e dei ricordi comuni, non si rivedranno mai più. 

"Perché, a parte il fatto che io non ho nessuna voglia di vederti di nuovo, ti informo che esiste la tristezza, esiste l'infelicità, le cose finiscono, si invecchia, ci si ammala e si muore. E ho una notizia: capiterà anche a te".


Superato l'incipit dei primi capitoli, la città DEVE  farsi da parte,  ritornare a essere il contenitore dei sentimenti. Anche  quello dell'amore, forse per la prima volta così dichiaratamente evocato da Carofiglio nelle sue pagine. 
"Ti amo. Sono un idiota ma ti amo". Anche l'io narrante, in molti tratti e circostanze combaciante con l'autore, ha un segreto di cui liberarsi. E la sua dichiarazione d'amore è per la ragazza francese lasciata andar via insieme con i sogni di un'esistenza diversa, avventurosa, in quell'altrove sconosciuto che dà il titolo al romanzo.
Ma Carofiglio nello scorrere della trama ammonisce: "Chi lo sa quanto i nostri ricordi dipendono dal ricordo e quanto invece dalla fantasia e dal nostro bisogno di confortarci. Con le bugie, con le illusioni, con le storie. Ma forse questo riguardava solo me".

ALTRI CONTRIBUTI

 NEL BLOG 



....Bari  vista anche dalla prospettiva gastronomica della focaccia
IN    Sulla mia scrivania Paola Borraccino così:"Sembra scritto sulla scorta della consapevolezza che ormai il pubblico compri qualunque cosa sia firmata col marchio di fabbrica Gianrico Carofiglio.."


In LIBRI DA LEGGERE  .. un libro veramente bello, che si fa leggere tutto d’un fiato, che si abbandona a fatica e nel quale si finisce inevitabilmente per ritrovare qualcosa del proprio vissuto, alcune sensazioni e pensieri che prima o poi ci hanno occupato la mente
 

3 commenti:

Patricia Moll ha detto...

Bel libro! Adoro Carofiglio e tutto ciò ce ha ubblicato finora.
Trovo sia uno scrittore che va in profondità nella psiche umana, nei sentimenti, nel lavorio innteriore di ogni essere umano.

Paola ha detto...

Grazie mille per la tua partecipazione al tour, il tuo contributo è sempre fondamentale.
Carofiglio mi è piaciuto molto in questa veste, forse insolita...

simonetta vernia ha detto...

Anche noi siamo lettori "insoliti" che ci ritroviamo periodicamente mantenendo intatto e vivo il piacere della lettura e della scoperta. BUON GIRO, ALLORA
Simonetta