martedì 22 ottobre 2013

RUBRICA DEL MARTEDI':30 SETTIMANE DI LIBRI...LEGGERE PER...UN LIBRO TRA LE MANI



INCONTRO CON LA POESIA DI PATRIZIA CAVALLI

Questo martedì è dedicato alla mia compagna di infanzia, Patrizia Cavalli; siamo nate  a Todi ed insieme abbiamo trascorso il periodo dell'adolescenza ed i primi anni della giovinezza( le nostre madri sono state compagne di scuola). 
http://poetarumsilva.files.wordpress.com/2013/07/5367373117_d24c7b3e07_z.jpg
Foto di Dino Ignani
Poi la sua vita professionale si è indirizzata, subito dopo la laurea, "verso I VERSI" ; ha pubblicato per Einaudi alcune raccolte di successo: Le mie poesie non cambieranno il mondo (1974), Il cielo (1981), Poesie 1974-1992 (1992), L’io singolare proprio mio(1992) e Sempre aperto teatro (1999), Datura, è la sua ultima raccolta, diario quotidiano in versi.
 http://3.bp.blogspot.com/-VEHEbkAr780/UcUpogolmHI/AAAAAAAAKCE/J1tIKFhCI9s/s1600/datura.jpg
Con la raccolta Sempre aperto teatro, ha vinto il Premio Letterario Viareggio-Repaci. Pigre divinità e pigra sorte è del 2006. Sempre per l’editore Einaudi ha tradotto il Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare e dello stesso autore Otello, messo in scena dal regista e attore Arturo Cirillo nel 2009. Vive a Roma.
La poesia di Patrizia  Cavalli è caratterizzata da una particolare  tecnica poetica. Il ritmo metrico che utilizza è quello classico , ma lessico e  sintassi sono quelli della lingua contemporanea; non usa poeticismi e manierismi, il suo linguaggio è naturale e familiare.
Addirittura nel poemetto La Patria, composto  per il festival dei Due Mondi  (2008, pubblicato nel 2011 per Nottetempo), l'autrice denuncia le false e stereotipate rappresentazioni di patria a cui contrappone 
«quel denso concentrato di esistenza/ sorpresa dentro un tempo che ti assorbe/ in una proporzione originaria». 
La vera patria per lei è
«un’appartenenza/ elementare, semplice, già data» che scopre incontrando persone “innocenti”, luoghi di antica memoria.

http://ecx.images-amazon.com/images/I/9125c0hWQXL._SL1500_.jpg
Su Nuovi Argomenti (qui la storia della Rivista), Luca Alvino  recensisce in maniera magistrale "Datura" ( Einaudi, 2013)  allorché afferma :"Esiste un talento più nobile dell’interpretazione – l’umile ancella del sapere che instancabilmente riconduce ogni effetto alla sua causa, tessendo la rassicurante trama della storia e della comune consapevolezza: si tratta della visione poetica, ovvero della facoltà di discernere la natura nascosta delle cose e tracciare – tramite un uso esperto e articolato del linguaggio – segrete corrispondenze tra di esse. Tale capacità va largamente riconosciuta a Patrizia Cavalli, che nei versi finali di Datura, la sua ultima raccolta, la descrive non come un semplice obiettivo artistico, ma come una vera e propria missione di vita"
 
«Ma io non voglio andarmene così, / lasciando tutto come ho trovato / in questa scialba geografia che assegna / l’effetto alla sua causa e tutti e due consegna / all’umile solerzia dell’interpretazione. / Un altro è il mio progetto, la mia ambizione / è accogliere la lingua che mi è data / e, oltre il dolore muto, oltre il loquace / suo significato, giocare alle parole / immaginando, senza un’identità, / una visione».
 http://blog.atcasa.corriere.it/livable-life/files/2013/06/Patrizia-Cavalli-4-600x450.jpg
 
L'autrice gioca con le parole,  coglie una realtà non strettamente referenziale, realtà oltre l’esperienza sensibile verso l'incontro cpn le zone aperte della metafora, dimensione più libera  dilatata della vita non legata al  concetto limitativo di identità. Tutto percepito  nella concretezza fonetica dei versi, che comprende tutta  l’intuizione poetica entro i limiti dei propri sensi. 
Questa ultima raccolta, secondo la critica, sembra essere   il libro più compiuto e maturo di Patrizia Cavalli,  in cui la poetessa, con elaborazioni narrative allegoriche, ha trovato la misura più  adatta alla propria ispirazione.
Lo Stramonio, l'erba del Diavolo
DATURA

Conoscendo  Patrizia Cavalli posso  dire che il suo andare come la sua poesia,  sono state sempre improntate a rigorosa esattezza del pensiero e le due dimensioni sono legate indissolubilmente. 
 
 

 
 
 
 
 
 
  La Datura è un fiore conosciuto fin dall'antichità; già gli Aztechi ne utilizzano le foglie e i semi, dal forte potere narcotizzante, soprattutto durante i riti religiosi, per i quali era richiesto grande coinvolgimento. L'uso della Datura si è presto diffuso anche nel nostro continente. Da rilevare è la bellezza dei fiori di grandi dimensioni, bianchi e profumatissimi. Le foglie, che possono avere un forte effetto calmante e tranquillizzante, utilizzate sottoforma di infuso. Nel linguaggio dei fiori la Datura vuol dire incognita, magia e incantesimo per le sue proprietà si lega alla magia, incantesimo, chi la riceve dovrebbe aspettarsi grandi cambiamenti, chi la regala li procurerà.
 
Come la Pianta, le poesie di Patrizia Cavalli ammaliano e,  come ha saggiamente intuito Alfonso Berardinelli: «Sempre di più col tempo si capisce che sono fatte per illuminare e conoscere, perché in ogni ansia e ombra, in ogni percezione e passione c’è un enigma da indagare

Nessun commento: