martedì 18 febbraio 2014

Rubrica Verde con "250 quesiti di giardinaggio risolti" a quattro mani,dai Calvino

 APRO QUESTA SETTIMANA LA MIA RUBRICA DEDICATA ALL'AMBIENTE  CON UN  INCIPIT...
 
«...forse non tutti sanno che...» Italo Calvino ...fiorì in un giardino " ma  la società moderna ha optato per la notorietà senza badare alla sua consistenza o al modo in cui viene ottenuta. A danno della fama, la discreta gloria che, in un ambiente più o meno ristretto, toccava a chi, dal medico al maestro, dall'artigiano al coltivatore, eccelleva nel proprio campo. Una gloria fatta più di sussurri che di grida, ormai in via d'estinzione",  sosteneva Evelyn Waugh.
Questo il contesto in cui sono vissuti i genitori di Italo Calvino e solo grazie al loro legame con lui siamo venuti a  sapere della loro vita dedicata alla scienza. 
Quale occasione migliore se non un  curioso e interessante volume scritto dai genitori di Italo Calvino, suggerimenti per aiutare la crescita di rose, azalee, orchidee, ortensie, specie ornamentali, da appartamento e tante altre ancora, "250 quesiti di giardinaggio risolti", ristampato dopo più di  70 anni?

Insomma, Casa, balcone o giardino: 250 consigli per piante sempre... verdi

 http://www.orticola.org/orticola/wp-content/uploads/2011/04/i-giardini-giornale.jpgUna parte di questa domande  trova  soluzione grazie a questo volume di Eva Mameli e Mario Calvino, genitori di   Italo. Lui agronomo, lei naturalista scrissero a quattro mani questi «250 quesiti di giardinaggio risolti» (Donzelli) che ora risolve molti dubbi botanici.  Questa raccolta di quesiti di giardinaggio è stata pubblicata per la prima volta nel 1940 da Mario Calvino e dalla moglie Eva Mameli, 250 domande poste dai lettori della rivista "Giardino fiorito", diretta dai Calvino e a cui loro stessi rispondono con estrema precisione. Sono forniti, in questo libretto, consigli e soluzioni ancora attuali e utili 

"Vogliamo sperare che questa raccolta torni utile a quanti coltivano fiori e piante ornamentali  e contribuisca, risolvendo le difficoltà, a rafforzare l’amore per la loro coltivazione, godimento puro dei sensi e dell’intelletto”...

 


...sono le parole introduttive degli autori di questo manuale, pubblicato nel 1940 e ritrovato dall’editore Donzelli, che lo ha riproposto in una elegante veste editoriale, corredata da una serie di immagini che riproducono 24 tavole  tratte dall’opera grafica di Ellen Willmott ( Gardener and Plantswoman- The genus rosa, John Murray, Londra 1914). 



Preziosa  la prefazione, firmata da Tito Schiva, che presenta il libro come un testo dedicato agli appassionati di giardinaggio, ai quali vengono forniti consigli apparentemente semplici ma in realtà frutto di una cultura alta e raffinata; i due Calvino infatti erano due scienziati, botanici esperti; Eva Mameli è stata la prima donna italiana a laurearsi in Scienze naturali nel 1907. Mario Calvino, agronomo, lavorava a Cuba dove nacque Italo, il loro figlio primogenito. Tornati in Italia si stabilirono a Sanremo dove diressero la Stazione sperimentale di floricoltura “Orazio Raimondo”; convinti della centralità dell’uomo nei confronti della natura, i 250 quesiti contenuti nel libro danno consigli pratici, concreti, facili, ma pieni di una grande saggezza frutto di un’esperienza non solo teorica.
In sostanza perchè consultare questo Manuale: è l'eco di un mondo riservato e onesto, in cui persisteva l'eco dell'insegnamento di   Voltaire nel suo Candide: «Il faut cultiver notre jardin», Bisogna coltivare il proprio giardino.

Nessun commento: